martedì 10 aprile 2007

La Diritta Via

Disse oggi il ministro Mastella:

"Lo dico con chiarezza: quando si andrà al referendum noi non ci saremo. Se c'è il referendum il rischio è la crisi di governo. Questo senza nessun tema di smentita".

In genere, quel che fa male al partito di Mastella, fa molto bene all'Italia. L'unico problema è capire se tutto ciò vale una crisi di governo. Ci debbo pensare: intanto queste parole mi spingono fortemente verso i banchetti delle firme.

4 commenti :

  1. Claudio ha detto...

    è bene ricordare che subito dopo padre Pio c'è
    Mastella.
    Come ricordato da uno dei suoi sudditi del piccolo regno di Ceppaloni durante un servizio delle jene, da cui ho inoltre appreso che insegnava filosofia.......forse che sia allievo di quell'altro grande filosofo contemporaneo buttiglione ???
    Aveva ragione il buon Serra quando diceva : "Mastella bisognava farlo prete come si faceva nella notte dei tempi coi figli cadetti."
    Avremmo limitato i danni.

  2. Verrocchio ha detto...

    Il fatto che insegnasse Filosofia mi lascia basito...anche se, in effetti, visto Buttiglione...

    Il commento di Serra, come sempre, è eccezionale!

    Vorrei vivere a Ceppaloni solo per vedere Mastella con scettro e corona quando riuscirà a farsi acclamare re del paese.

  3. gio ha detto...

    mitico...

    ps: vai andre, er blogge spopola anche tra i teutoni!

  4. Verrocchio ha detto...

    Eh sì, il teutone spammone! Non ho voluto cliccare sul link che indicava il messaggio, perciò non sapremo mai a cosa rimandava...pazienza!
    Spero solo non sia l'inizio di una guerra contro lo Spam Assassino...so che sarei condannato inesorabilmente!